top of page
Saffron Lily (@saffronlilyillustration) per The Xylom

This story features Beeline Reader for enhanced readability. Click to turn the feature on or off. Learn more about this technology here.

Quando l'arroganza provoca la truffa nella scienza

Come la condotta illecita di uno “straordinario” scienziato è solo la punta dell’iceberg e cosa possiamo fare a riguardo.


 
 


Nel 1981, in un laboratorio di ricerca cardiaca di Brigham, affiliato con Harvard e l’Ospedale femminile, i colleghi di John Darsee lo hanno assistito mentre etichettava in modo fraudolento le registrazioni di dati, nel tentativo di falsificare i risultati.


Uno degli obiettivi della ricerca di Darsee era studiare l’efficacia dei farmaci nell’attenuare il danno muscolare delle vittime da infarto. Per raggiungere quest’obiettivo, il dipartimento ha ricevuto finanziamenti dal National Institute of Health (NIH) per fare una ricerca usando dei modelli animali. I dati che sono stati falsificati provenivano dall’elettrocardiogramma di un cane, che Darsee ha classificato rispettivamente in 24 ore, 72 ore, una settimana e due settimane, nonostante il fatto che tutti i risultati fossero stati rilevati nello stesso pomeriggio.

Quest’evento ha avviato un’indagine che ha provocato il licenziamento di Darsee e il divieto di ricevere sovvenzioni federali per i successivi dieci anni e, in aggiunta a ciò, il ritiro di più di 80 documenti e abstract a suo nome.*

Nonostante le gravi conseguenze della condotta illecita della scienza – sia per il percorso professionale del ricercatore sia per tutti quelli che possono essere colpiti da tale studio – questo non è l’unico caso di falsificazione o fabbricazione di dati nel mondo scientifico. Insieme, i primi tre ricercatori elencati nella Retraction Watch Leaderboard hanno contribuito alla ritrattazione di oltre 400 articoli.

In un recente sondaggio anonimo condotto da ricercatori nei Paesi Bassi e dettagliato in un’anteprima su MetaArXiv, è stato scoperto che circa l’8% dei ricercatori ha ammesso di aver falsificato o fabbricato i risultati del proprio lavoro, e poco più della metà ha anche ammesso di impegnarsi in pratiche di ricerca opinabile.

In un recente sondaggio anonimo condotto da ricercatori nei Paesi Bassi e dettagliato in un’anteprima su MetaArXiv, è stato scoperto che circa l’8% dei ricercatori ha ammesso di aver falsificato o fabbricato i risultati del proprio lavoro, e poco più della metà ha anche ammesso di impegnarsi in pratiche di ricerca opinabile. Esse non erano considerate gravi come la completa falsificazione o fabbricazione della ricerca, e includono l'omissione di risultati meno positivi o la possibile presenza di difetti nella metodologia, nella criticità o nella tenuta dei registri; ma anche questa non è scienza decente. Il sondaggio ha scoperto che la pressione per la pubblicazione è la principale motivazione che porta a pratiche di ricerca discutibili. Tuttavia, la motivazione per una condotta illecita della scienza può derivare da una serie di ragioni, che non per forza hanno dietro un’intenzione cattiva. Una combinazione di fattori quali i finanziamenti, la sicurezza del lavoro, le pressioni culturali o sociali e il controllo costante può costringere un ricercatore o una ricercatrice a una pratica illegittima.

Inoltre il piacere di acquisire una maggiore realizzazione personale è un ulteriore fattore che non deve essere trascurato. L’arroganza scientifica compromette l’integrità e l’obiettività della ricerca?

Saffron Lily (@saffronlilyillustration) per The Xylom

 

Aggiunto al piacere ottenuto dal raggiungimento, lo spirito competitivo e l’orgoglio per il proprio lavoro rendono a volte difficile ricordare lo scopo generale di un progetto di ricerca. Questa competitività fa parte della natura umana? Perdiamo la concentrazione sul quadro più ampio quando ci concentriamo sui dettagli? In uno studio condotto da ricercatori delle università Sakarya e Eskişehir Osmangazi in Turchia, è stata trovata una correlazione positiva tra la motivazione scientifica di uno studente universitario e gli obiettivi che si era prefissato di raggiungere. Ciò indica la presenza di un attributo umano innato che incoraggia la produttività e che ci fa concentrare su obiettivi minuti e raggiungibili piuttosto che sull’obiettivo finale complessivo. Ma a lungo termine, quanto è vantaggioso questo attributo? La risposta può essere nel trovare un equilibrio tra le prestazioni ottimali e gli obiettivi sia a breve che a lungo termine, ricordando costantemente a noi stessi la necessità di rimanere lucidi quando il nostro scopo finale è ottenere risultati utili.


Come una giovane scienziata, non era sempre facile separare il senso di realizzazione personale dal mio lavoro. La mia inclinazione alla competizione e l’incapacità a non prendere sul personale le critiche costruttive mi hanno spesso spinto a modellare la linea di ricerca in forme più soddisfacenti. Mantenendo un approccio disponibile per gli altri, ho evitato inutili controlli. Inoltre, concentrarsi sul tipo di risultati a cui mira il tuo supervisore o il tuo dipartimento può motivarti a cercare nello specifico quei risultati, il che porta a ignorare altri risultati importanti che potrebbero emergere lungo il percorso. Devo ammettere che ogni settimana mi sono concessa la possibilità di portare avanti progressi enormi nel mio campo perché questo mi ha permesso di vantarmene con il mio supervisore durante le riunioni settimanali. E all’interno di alcuni campi di studio, come la statistica, è possibile modificare i parametri per cercare tali risultati. Ma se continui lungo una linea di ricerca con una motivazione o un desiderio specifico in mente, inizi ad allontanarti sempre di più dal percorso dell’oggettività.


Nell’edizione di BioScience del 1983, è riportato che “All’età di 33 anni, a Darsee era stata offerta una posizione ad Harvard come assistente professore e aveva pubblicato quasi 100 articoli e abstract. […] Molti erano stupiti della sua immensa produttività. In retrospettiva, quello avrebbe dovuto essere un indizio”.


Tutto ciò che la mia supervisore ha sempre desiderato era vedere che almeno stavo provando, ma non era importante se i miei sforzi ottenessero risultati validi o no. In effetti, sento che molto probabilmente si aspettava il fallimento più di quanto pensassi.

Magari è stato deludente per il mio supervisore non ottenere risultati positivi nella ricerca, ma ora mi rendo conto che il mio errore è stato avere il pensiero che quella delusione era diretta a me e ai miei sforzi. Tutto ciò che la mia supervisore ha sempre desiderato era vedere che almeno stavo provando, ma non era importante se i miei sforzi ottenessero risultati validi o no. In effetti, sento che molto probabilmente si aspettava il fallimento più di quanto pensassi. La causa non è stata il mio livello di competenza - anche se forse parzialmente visto che ero solo una studentessa della magistrale - ma poiché gli insuccessi nella ricerca scientifica sono comuni, è altrettanto importante per noi segnalare questi fallimenti così come i nostri successi. Così procede la ricerca.



Saffron Lily (@saffronlilyillustration) per The Xylom

Inoltre è inutile cercare di evitare i commenti o le critiche sul proprio lavoro. La scienza è uno sforzo collaborativo e la critica costruttiva è una componente essenziale per migliorare la produzione scientifica. La mancanza di abilità nell’accettare bene le critiche può danneggiare l’integrità della ricerca, soprattutto se provoca una condotta illecita della scienza. In questo modo, il tuo lavoro sarà sempre influenzato dal tuo punto di vista o da quello di qualcun’altro.


 

Senza dubbio quei difetti, incorporati in un sistema, comportano un certo livello di colpa quando si tratta del piacere che riceviamo dai nostri successi come scienziati. In un’edizione del 2017 dello studio di consenso “Fostering Integrity in Research”, le Accademie Nazionali degli Stati Uniti hanno raccolto i risultati di diversi sondaggi che indagano su come particolari ambienti di ricerca possano influenzare l’integrità nella ricerca. Si sospetta che la disponibilità di posti di lavoro per i dottorati dopo la laurea sia molto inferiore al numero dei laureati. E tra coloro che riescono a raggiungere una posizione stabile, l’ambiente ipercompetitivo in cui lavorano li sfida a “dedicare più tempo a scrivere progetti per le sovvenzioni e meno tempo a fare ricerca”. Inoltre, ci sono istituzioni in tutto il mondo che offrono un “bonus” per i ricercatori che pubblicano su giornali prestigiosi. Pervez Hoodbhoy, un fisico dell'Università Quaid-i-Azam di Islamabad, in Pakistan, dice a “Nature” in un articolo del 2006 che questi incentivi hanno avuto un "effetto devastante" per i ricercatori "che sono sempre di fretta nel pubblicare con qualsiasi mezzo, e l'etica scientifica e accademica vengono ignorati in questa fretta.”

Senza dubbio quei difetti incorporati in un sistema portano un certo livello di colpevolezza quando si tratta del piacere che riceviamo dai nostri successi come scienziati.

C’è già un aumento di iniziative di sostegno, come la “Declaration on Research Assessment (DORA)”, che è stata sviluppata nel 2012 durante il meeting annuale dell’American Society for Cell Biology, che “riconosce la necessità di migliorare il modo in cui i risultati della ricerca accademica vengono valutati”. Incoraggiano tutti gli individui e le organizzazioni interessate a firmare la loro petizione, che ha già ricevuto un notevole sostegno a livello mondiale. Il loro scopo non è solo aumentare la consapevolezza, ma anche implementare cambiamenti nelle pratiche di pubblicazione che possono alleviare le pressioni associate.

C’è anche una crescente necessità per avere più trasparenza nei finanziamenti della ricerca. Sebbene sia stato fatto un grande controllo sui ricercatori e sul processo scientifico stesso, non si discute abbastanza sulla provenienza dei finanziamenti per la ricerca. Mentre una parte dei finanziamenti proviene dalle istituzioni, dalle agenzie governative e dalle organizzazioni no-profit, la maggior parte dei fondi può anche venire dall’industria o dalle agenzie con scopo di lucro. Secondo il rapporto del “The State of U.S. Science and Engineering 2020”, circa il 73% dei finanziamenti della ricerca nel 2017 è stato fornito dal settore imprenditoriale. Questo non vuol dire che la scienza non può accettare questi finanziamenti, perché la collaborazione tra la scienza e l'industria può andare in armonia per accelerare il progresso e fornire preziosi risultati. Tuttavia, le industrie “for profit” sono motivate dalle vendite e questo crea un ambiente di pregiudizio nella ricerca. Esistono, in particolare, sistemi che sfruttano la teoria del raggiungimento degli obiettivi attraverso l’offerta di incentivi, introducendo così pregiudizio nella ricerca. “Merchants of Doubt” come le industrie del tabacco, del petrolio e dei farmaci hanno utilizzato incentivi per stimolare la disinformazione scientifica.


Saffron Lily (@saffronlilyillustration) per The Xylom

La condotta illecita della scienza e la diffusione della disinformazione danneggiano la credibilità della scienza, portando sfiducia nel pubblico del mondo scientifico, negli operatori sanitari e pure mettendo in pericolo gli altri. Inoltre il progresso scientifico viene ostacolato, semplicemente perché è difficile replicare gli esperimenti realizzati. Un atteggiamento fraudolento del mondo scientifico può anche danneggiare l’integrità del lavoro di un altro scienziato quando questo usa un articolo che ha subìto una “revisione paritaria” in una pubblicazione del proprio lavoro, ma dopo viene ritirata. Esistono misure rigorose come la revisione tra pari e il “Research Ethics Boards” per evitare un comportamento illegale. Tuttavia, un certo livello di autonomia deve essere concesso anche ai ricercatori per favorire un ambiente di fiducia, in cui ci sia la volontà di aiutarsi a vicenda. Per tutti questi motivi, dovrebbe essere incoraggiata l'incorporazione delle materie legate all’etica e all’integrità della ricerca nel curriculum principale delle materie scientifiche.

Esistono, in particolare, sistemi che sfruttano la teoria del raggiungimento degli obiettivi attraverso l’offerta di incentivi, introducendo così pregiudizio nella ricerca. “Merchants of Doubt” come le industrie del tabacco, del petrolio e dei farmaci hanno utilizzato incentivi per stimolare la disinformazione scientifica.

Anche se ho voluto discutere questo problema dalla prospettiva del piacere, esistono anche sovrapposizioni che sono chiare e inevitabili con il tema del dolore: mentre uno scienziato o una scienziata possono ottenere piacere dai propri risultati, il costo della fabbricazione dei dati può essere la causa sia di problemi figurativi sia un dolore fisico per gli altri. Gli istituti di ricerca associati a Darsee hanno perso anni di lavoro e finanziamenti nel tentativo di riparare il danno causato dalla sua etichettatura fraudolenta. “Brigham and Women’s Hospital” sono stati tenuti a restituire 122.371 dollari del loro finanziamento (oltre 375.000 dollari se si tiene conto dell’inflazione) al NIH. Nel frattempo, l’indagine del NIH sul lavoro di Darsee ha causato il ritiro degli articoli, compresi quelli che risalgono al 1978, provenienti dalle ricerche condotte presso la “Emory University”, addirittura precedenti al suo trasferimento ad Harvard.

L'essenza del progresso scientifico è il frutto della collaborazione e dell’obiettività scientifica. È importante non perdere questo aspetto, soprattutto quando si lavora in un campo in cui l'obiettivo generale è quello di aiutare gli altri. Sia Darsee che poco più del 40% dei ricercatori nella classifica di “Retraction Watch” erano conosciuti per lavorare nei campi della medicina o delle scienze della vita. Se la condotta illecita della scienza di Darsee fosse passata inosservata, la salute di innumerevoli malati di cuore sarebbe potuta essere a rischio. Passando al lato positivo, l’incidente di Darsee ha contribuito ad atteggiamenti più attenti riguardo la condotta illecita della ricerca scientifica, con agenzie pubbliche come il NIH, il “Public Health Service” e la “National Science Foundation” che hanno ridefinito gli standard e hanno pubblicato linee guida sull’argomento. Tuttavia, anche noi, come singoli ricercatori, dobbiamo fare la nostra parte nel combattere pratiche illegali della scienza, facendo del nostro meglio per ricordare che il nostro lavoro può spesso estendersi fino a influenzare la vita di molti altri.

 

*Dopo la pubblicazione di quest’articolo, siamo stati informati che mentre il New York Times e Nature hanno articoli in cui si afferma che oltre 80 documenti di Darsee sono stati ritirati o appartati, il Retraction Watch Database ha registrato solo 17 di questi ritrattazioni.

Comments


Support Student-Led Science News

The only student-run newsroom focused on science and society. Our in-depth, data-driven approach, mentorship for early-career storytellers, and multicultural content take time and proactive planning, which is why The Xylom depends on reader support. Your gifts keep our unbiased, nonprofit news site free.
37221767_728738530791315_276894873407822

Ebony Gunwhy

Ebony Gunwhy è una scrittrice emergente, vive nella cittadina balneare di Galway, in Irlanda. Ha scritto saggistica scientifica per l’Irish Association of Physicists in Medicine, il Journal of the European SocieTy for Radiotherapy and Oncology (ESTRO), la rivista “I, Science” dell’Imperial College London e la newsletter “Ours to Save” su Substack. Essendo una finalista di Science-me a Story del 2021, ha anche scritto un racconto di fantasia per i bambini che è presente nel Literature and Science Hub dell'University di Liverpool. Quando non fa ricerche, legge o scrive, Ebony dedica il suo tempo alle esplorazioni amatoriali, alla corsa su lunghe distanze e ride delle battute di suo padre.

bottom of page