top of page
The Xylom Illustration

This story features Beeline Reader for enhanced readability. Click to turn the feature on or off. Learn more about this technology here.

Un viaggio attraverso il mio microbioma: la prospettiva di una immigrata su un intestino che cambia

 

Sei anni fa, ho incontrato la mia migliore amica Hannah come casuale compagna di stanza dell'università.

Lei aveva guidato per 200 miglia da Indianapolis, nell'Indiana, e io avevo volato per 8.000 miglia da Nuova Delhi, in India, per arrivare allo stesso dormitorio a St. Louis, nel Missouri. Nelle nostre famiglie c'era una battuta ripetitiva la quale affermava che eravamo destinate a essere nella vita l'una dell'altra perché "India" appartiene a "Indiana". Essendo leale a questo pensiero, ho trascorso ogni pausa visitando la sua casa. La mia comunità era tornata in India, quindi la sua casa è diventata la mia.

Una foto di Hannah (a sinistra) e Manasvi (a destra) allo zoo di St. Louis, la prima settimana che si sono incontrate nel settembre 2016. (Cortesia di Manasvi Verma)

Le storie delle nostre comunità sono spesso le storie dei nostri cibi. Mangiare il piatto preferito di Hannah: la famosa casseruola di noodle con pollo di sua madre servito con un contorno di muffin ai mirtilli e i biscotti con gocce di cioccolato come dolce, mi racconta non solo la storia del suo palato, ma anche quella della sua infanzia. Il mio palato, ovviamente, racconta un’altra storia. Durante la mia infanzia nessun giorno era migliore del giorno in cui mi svegliavo con l'odore del mio दादी (Dadi o nonna paterna) कढ़ी (kadhi) che bolliva in cucina. Il kadhi è un piatto nord indiano a base di yogurt acido e farina di ceci. A casa mia veniva servito con un mucchio di riso basmati e limone sottaceto. Lo yogurt era stato lasciato inacidire per alcuni giorni, innescando una fioritura batterica e producendo acido lattico. Veniva mescolato con una generosa quantità di farina di ceci, una miriade di spezie e cotto sulla fiamma per ore. Come regalo speciale, Dadi friggeva le cipolle rosse tritate nella farina di ceci e le aggiungeva al kadhi bollente. Il prodotto è un piatto di felicità, giallo come la luce del sole e bilanciato perfettamente tra l’acido, il piccante e il croccante, che non ha mai fallito a solleticare il mio palato e a costringermi sempre ad allungare la mano per una seconda porzione. Ormai mangio il kadhi raramente, essendomi trasferita da casa, ma rimane il mio piatto preferito.

Kadhi fatto con la ricetta di Dadi. (Cortesia di Manasvi Verma)

Hannah e i miei piatti preferiti sono finestre sulle nostre culture divergenti, ma sono anche molto di più. Sono anche finestre sui nostri diversi intestini. Le nostre tradizioni culinarie sono basate su una vasta gamma di verdure ricche di fibre, lenticchie piccanti, yogurt, riso e roti. La carne era un lusso e il mango era obbligatorio. I microbi che coltivavo nella mia pancia riflettevano ciò che mangiavo. Ogni volta che masticavo qualcosa, nutrivo i microbi perché loro potevano utilizzarlo. Dall'altra parte del mondo, Hannah ha fatto la stessa cosa.

Prima che ci incontrassimo, i nostri microbiomi erano mondi a parte. Soprattutto, gli intestini indiani sono spesso più ricchi di specie che possono scomporre le fibre vegetali complesse, riflettendo le nostre diete ricche di fibre. Fattori come la dieta e lo stile di vita influenzano quali microbi prosperano e quali muoiono. Alcuni sostengono che possiamo modificare i nostri microbiomi intestinali proprio come se ci muovessimo sui cursori di un videogioco: diversificare le diete! Meno antibiotici! Più esercizi! Quindi, l’onere di costruire un intestino sano sembra uno sforzo personale; quando seguiamo i giusti consigli, i nostri intestini si costruiranno semplicemente da soli. Tuttavia, raramente c’è qualcosa di così semplice.


Vivendo negli Stati Uniti, è molto più probabile che mangio una casseruola rispetto a un kadhi. Di conseguenza, la mia comunità microbica ora probabilmente assomiglia molto a quella di Hannah. Uno studio affascinante pubblicato su Cell nel 2018 ha evidenziato che gli immigrati statunitensi dalla Thailandia hanno sperimentato dei cambiamenti drastici nei microbi intestinali nel giro di pochi mesi, con conseguente perdita di diversità microbica e perdita specifica di microbi che degradano le fibre, gli stessi batteri che mancano dai microbiomi occidentali. Questa cosa peggiora con l’obesità ed è aggravata da generazioni.

Allora perché non faccio il kadhi per ripristinare quei microbi che ho perso? Non è che non so come fare il kadhi o non voglio farlo. Solo che trasferirmi negli Stati Uniti ha causato un cambiamento nel modo in cui posso prendere il cibo. Spesso, cercare e trovare gli ingredienti tradizionali indiani (se sono disponibili) richiede uno sforzo molto maggiore di quello che posso permettermi. Devo bilanciare il mio desiderio di mangiare il kadhi con il tempo impiegato per viaggiare spesso verso la periferia della città per ottenere gli ingredienti, il costo di noleggiare un'auto, il costo della benzina ed eventualmente anche il costo degli ingredienti necessari.

Il concetto di “deserti alimentari” non è una novità, ma è più corretto descrivere questo fenomeno come “apartheid alimentari”: una rete complessa e intenzionale di decisioni politiche e pratiche economiche che portano le persone povere di colore a non avere accesso, in modo sproporzionato, al cibo conveniente e nutriente. A St. Louis, i residenti neri hanno una probabilità 3,6 volte maggiore rispetto ai residenti bianchi di vivere in zone censite dove la percentuale di povertà è superiore al 20% e il negozio di alimentari più vicino è ad almeno un miglio di distanza. Ciò non tiene conto del fatto che le infrastrutture concentrate sulle macchine impedisce ai residenti senza auto (come me) di andare in alcuni negozi di alimentari anche se sono a meno di un miglio di distanza: il negozio può essere dall’altra parte di un’autostrada, non ci sono autobus, marciapiedi o rampe per arrivare lì e tornare in dietro in sicurezza, oppure, proprio come quest'estate, fa semplicemente troppo caldo ed è umido per stare all’aperto per tanto tempo senza ombra.

Quando la nostra salute peggiora, consultiamo le raccomandazioni scientifiche perché la scienza dovrebbe avere le risposte su come mantenere gli intestini sani. Ma la dieta è sociologica, è influenzata dalla cultura e dai costi, e spesso la scienza si allontana dalla società. Ciò che ci rimane è una serie di raccomandazioni dietetiche apparentemente neutre che funzionano supponendo che l’accesso a tutti gli alimenti è equo.

Le barriere di tempo, impegno e convenienza legate alla preparazione dei pasti provenienti dai nostri paesi d’origine negli Stati Uniti sono alte e cambiano molte diete di immigrati verso le opzioni occidentali che sono comunemente disponibili. Un sondaggio del 2020 sulle comunità di immigrati nel Massachusetts (dove ora vivo e studio) ha scoperto che il 59% delle famiglie faceva esperienza di insicurezza alimentare. Se consideriamo le famiglie che hanno almeno un membro privo di documenti, la statistica sale al 78%. Negli Stati Uniti è stata riscontrata un’associazione significativa tra il reddito familiare e la qualità nutrizionale del cibo acquistato e, di conseguenza, la diversità microbica.

Area di censimento con basso reddito e scarso accesso a un supermercato o a un grande negozio di alimentari nell'area metropolitana di Greater St. Louis nel 2019. (Cortesia dell'East-West Gateway Council of Governments)

E non è che gli americani con basso reddito, che sono in modo sproporzionato immigrati, non stanno cercando di fare la cosa giusta: il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) è stato richiamato per rivalutare il loro Thrifty Food Plan (TFP), che serve come base per le assegnazioni dei benefici per il Supplemental Nutrition Assistance Program (SNAP) destinato alle famiglie a basso reddito, dopo che il loro precedente aggiornamento nel 2006 ha ricevuto critiche per non aver saputo bilanciare il gusto, la convenienza, la varietà e le norme sociali. La USDA ha ammesso che uno degli obiettivi principali del più recente TFP nel 2021 era quello di riflettere accuratamente la “diversità dei percorsi alimentari” nel Paese, come la necessità per noi, immigrati, di acquistare erbe e spezie che costituiscono la fondazione del nostro cucine.

Per gli immigrati, l’inevitabilità dell’acculturazione alimentare è aggravata dallo stato socioeconomico. Alla fine, cambiamo la nostra dieta, i nostri microbi e il nostro intestino. Quindi, ci sono conseguenze sull’occidentalizzazione del nostro microbiota intestinale? Le statistiche sulla sanità pubblica indicano un “sì”. La disbiosi microbica, uno squilibrio microbico nei nostri intestini, è collegata a una serie di condizioni di salute croniche, tra cui le malattie cardiovascolari e il diabete di tipo 2. La differenza tra i risultati sanitari dei non immigrati e quelli degli immigrati suggerisce questa dissonanza microbica. In effetti, è noto che gli immigrati hanno meno rischio di generare malattie cardiovascolari, ipertensione e diabete prima di toccare i confini degli Stati Uniti. Questi fattori di rischio tendono ad aumentare con la durata del tempo trascorso negli Stati Uniti. Per gli indiani, in particolare, gli studi mostrano che le comunità “native” e non migranti che vivono ancora in India e nel subcontinente indiano hanno un rischio inferiore di generare una malattia coronarica rispetto agli indiani che si sono trasferiti a Ovest. Quindi, con il tempo trascorso negli Stati Uniti, dove le fibre alimentari sono rare e gli alimenti trasformati governano le nostre diete, i nostri microbi cambiano e di conseguenza la nostra salute peggiora.


Quando la nostra salute peggiora, consultiamo le raccomandazioni scientifiche perché la scienza dovrebbe avere le risposte su come mantenere gli intestini sani. Ma la dieta è sociologica, è influenzata dalla cultura e dai costi, e spesso la scienza si allontana dalla società. Ciò che ci rimane è una serie di raccomandazioni dietetiche apparentemente neutre che funzionano supponendo che l’accesso a tutti gli alimenti è equo. Perché, in teoria, anche se questa non è scienza consolidata, sappiamo che un intestino sano ha bisogno di un alto contenuto di fibre, di poco zucchero e di un’alta fermentazione. Ma, in pratica, quest’idea di un intestino sano non è così facile da conseguire per tutti.

Tutti noi siamo collegati dal nostro cibo, dai nostri microbi e dai nostri intestini. Con questa consapevolezza, possiamo finalmente trasferire l’onere di costruire un intestino sano dall’individuo al collettivo.

Una volta che ci rendiamo conto che costruire un intestino sano è più di un semplice problema biologico, possiamo superare l’ostacolo, che è sempre frustrante, dei consigli di auto-aiuto: coltivare le proprie verdure, eliminare la carne rossa, assicurare di passare oltre il corridoio degli alimenti trasformati al supermercato, far fermentare un po' di kombucha, saltare la soda gassata e tutto andrà bene. Quindi, dobbiamo davvero pensare a come mettere in evidenza l’importanza del microbiota intestinale senza trascurare tutti i fattori sociologici che contribuiscono alla sua creazione. Di che tipo di cambiamenti sociali abbiamo bisogno prima di poter semplicemente raccomandare cibi salutari per l’intestino? Di fronte alle crescenti disuguaglianze, come possiamo qualificare la ricerca sul microbioma intestinale in modo culturalmente consapevole?

Tutti noi siamo collegati dal nostro cibo, dai nostri microbi e dai nostri intestini. Con questa consapevolezza, possiamo finalmente trasferire l’onere di costruire un intestino sano dall’individuo al collettivo. Un approccio “standard” per tutti non solo non avrà successo in migliorare la salute intestinale del pubblico, ma causerà un calo nelle disuguaglianze. Mentre il campo del microbioma intestinale fiorisce, continueremo a imparare ancora di più come i nostri microbi influenzano la nostra salute e Internet continuerà ad affliggerci con modi per “hackerare” il nostro intestino. Sta a noi sapere che possediamo la nostra salute e che nessun singolo “hack” sarà in grado di trasformarla. A livello individuale, possiamo fare molto: lasciar andare il nostro senso di colpa e celebrare la crescente diversità del cibo che ci radica nelle nostre diverse culture, oltre che a sostenere le botteghe locali, i negozi di alimentari a conduzione familiare e le fattorie urbane. Nel frattempo, dobbiamo dare la responsabilità agli scienziati e ai politici per supportare un cambiamento a livello sistemico. La vera rivoluzione per avere una salute microbica equa dipende dalla realizzazione dell’intersezionalità della nostra salute, dalla pratica della medicina sociale intenzionale e ricordando le complesse vie in cui siamo modellati dalle nostre interazioni con il mondo.

Mentre mi spostavo in giro per il mondo, il mio microbioma cambiava in modi che non potevo controllare. Il mio microbioma racconta la storia di cambiamento, resilienza e integrazione in nuove comunità. Ora che Hannah fa parte della mia vita, la storia è diversa, è migliore. Ora racconta non solo la storia del kadhi, ma anche quella della casseruola di noodle con pollo.

Manasvi e Hannah in un incontro del giugno 2023. (Cortesia di Manasvi Verma)
 

Questo pezzo è stato ispirato ed è dedicato al mio Dadi. Dadi, sei sempre stata per me una cheerleader gioiosa, vibrante, quasi chiassosa. Ovunque tu sia adesso, spero che sappia che mi mancano profondamente tu e il tuo kadhi. Riposa nel potere infinito e nella pace infinita.

Kommentare


Support Student-Led Science News

The only student-run newsroom focused on science and society. Our in-depth, data-driven approach, mentorship for early-career storytellers, and multicultural content take time and proactive planning, which is why The Xylom depends on reader support. Your gifts keep our unbiased, nonprofit news site free.
37221767_728738530791315_276894873407822

Manasvi Verma

Manasvi è cresciuta a Nuova Delhi e si è trasferita dall'altra parte del mondo a St. Louis, nel Missouri, per acquistare la laurea presso la Washington University di St. Louis, dove si è laureata in biologia con specializzazioni in fisica biomedica e studi di genere. Ora è una dottoranda all'Università di Harvard e studia come i microbi intestinali comunicano con le cellule umane.

Quando è libera della pipetta, potete trovarla con una penna metaforica. Appassionata della comunicazione scientifica, scrive per WOWSTEM e MicroBites ed è organizzatrice del Flagship Workshop di ComSciCon. È particolarmente interessata a collegare la scienza con gli individui che fanno scienza.

Quando mette giù la pipetta e la penna, adora esplorare Boston e la sua pletora di caffè, viaggiare, ascoltare musica dal vivo, trovare la sua strada tra le masse d'acqua, e anche guardare troppo Netflix.

(Tradotto da Farah Daou.)

bottom of page