top of page
Combustione del gas nello stato di Akwa Ibom, Nigeria. (Santo Ekpali per The Xylom)

This story features Beeline Reader for enhanced readability. Click to turn the feature on or off. Learn more about this technology here.

“Stiamo soffrendo”

Nonostante le misure che sono state messe in pratica, la combustione del gas continua a minacciare i mezzi di sussistenza nel Delta del Niger


 
 

Ogni volta in cui Oweiere Edugo va a raccogliere i platani dalla sua terra, si sente scoraggiata. Questo perché, recentemente, i suoi raccolti sono stati di bassa qualità e Edugo sta lottando per mantenere attiva la sua agricoltura.

“Piangiamo ogni volta che andiamo a raccogliere i nostri platani. Ci aspettiamo grandi mazzi, ma ci arrabbiamo vedendo piccoli mazzi, questo capita per la combustione [del gas]”, ha detto. “Stiamo davvero soffrendo e non sappiamo chi interverrà”.

Edugo vive nello stato ricco di petrolio di Bayelsa, nel Delta del Niger, che si trova nel sud della Nigeria. La sua comunità, conosciuta come “Ogboinbiri”, è localizzata vicino a due ciminiere in una stazione di flusso gestita dalla compagnia “Nigerian Agip Oil Company” fin dagli anni Ottanta. Da 17 pozzi petroliferi che sono funzionanti vengono estratti ogni giorno 50,000 botti di olio crudo e 180 milioni metri cubi di gas, che vengono trattati nella stazione di flusso. Nel 2022 sono stati bruciati oltre 1,5 miliardi di metri cubi (45 milioni di metri cubi) di gas, questo per ventiquattro ore al giorno, per sette giorni alla settimana.



La combustione del gas, in inglese “Gas Flaring”, consente alle compagnie petrolifere di rilasciare la pressione del gas all'interno dei macchinari attraverso la combustione del gas naturale che è in eccesso e che viene raccolto durante il processo di trivellazione petrolifera. Questa procedura è importante soprattutto in Nigeria, perché parte del suo olio crudo contiene gas naturale disciolto in esso. Ma questo processo produce una quantità significativa di gas serra come anidride carbonica e metano. Inoltre, la procedura genera inquinanti dell'aria come il nerofumo e l’anidride solforosa che danneggiano direttamente e indirettamente la salute pubblica, l’ecosistema e l’ambiente.

“Piangiamo ogni volta che andiamo a raccogliere i nostri platani”

"Il livello di produzione di platano è diminuito rapidamente. Dall’altro lato la produzione sta andando bene in altre comunità. La differenza è troppa”, ha affermato Giton Moses, il presidente della comunità per lo sviluppo di Ogboinbiri.

A causa degli effetti sulla salute di questa pratica, la combustione del gas è stata resa illegale in Nigeria dal 1984. Per scoraggiare ulteriormente le aziende multinazionali dalla combustione del gas (l'Agip è una filiale del conglomerato italiano Eni), il governo nigeriano ha imposto una sanzione nel 2018. Sono state istituite multe per i produttori del petrolio e del gas più grandi in confronto ai produttori più piccoli.

Sono stati compiuti alcuni progressi da quando queste sanzioni sono state implementate. Il “Global Gas Flaring Tracker Report” della Banca Mondiale del marzo 2023 attribuisce alla Nigeria, insieme al Messico e agli Stati Uniti, la maggior parte del calo globale della combustione del gas nel 2022. Ma questo calo è legato al fatto che la produzione del petrolio in Nigeria è diminuita di un terzo rispetto ai livelli prima del COVID; infatti, la quantità di gas bruciato per barile di petrolio prodotto è effettivamente aumentata in questo periodo.

Gas flaring in Bayelsa State, Nigeria. (Courtesy of Alogoa Morris)

Eppure, la regolamentazione rafforzata non è ancora efficace per proteggere i residenti di Ogbinbiri e di altri villaggi. La Nigeria è stato il nono paese più grande per la combustione del gas nel 2022. Il governo non ha rispettato più volte le scadenze fissate per fermare formalmente la pratica nel Delta del Niger. L’Agenzia Nazionale per il Rilevamento e La Risposta alle Fuoriuscite del Petrolio del Paese ha osservato che il volume della combustione del gas, lo scorso anno, è stato equivalente a 450 milioni di dollari di multe, molte delle quali non ancora pagate.

“L’Agip ha continuato a bruciare il gas illegalmente nell’ambiente di Ogboinbiri, avvelenando le persone, con conseguenze negative per l’ambiente in generale”, ha affermato Alagoa Morris, responsabile del progetto “Environmental Rights Action/Friends of the Earth Nigeria”, che ha anche condotto una ricerca su Ogboinbiri nel 2021.

Mentre l’Agip continua a bruciare il gas a Ogboinbiri senza restrizioni, gli agricoltori come Edugo stanno ora valutando la possibilità di passare a un’altra professione per sopravvivere. Edugo ha deciso di aprire una farmacia e spera che i suoi soldi possano mandare i suoi due figli a scuola.

“Non puoi addestrare i tuoi figli solo a dedicarsi all’agricoltura”, ha detto. “Stiamo soffrendo e l’Agip non fa nulla”.

 

Bayelsa, che è situato fuori dalla costa atlantica, è diventato il primo stato della Nigeria a scoprire l’olio crudo nel 1956. La Nigeria ora ha le più grandi riserve di gas e le seconde riserve di petrolio più grandi dell'Africa, tutte provenienti dal Delta del Niger. Il settore petrolifero rappresenta il 95% dei guadagni in valuta estera della Nigeria e l'80% dei suoi redditi.

Allo stesso tempo, secondo una ricerca del 2020 finanziata dall’Unione Europea, nella regione del Delta del Niger la combustione del gas è diventato il secondo problema ambientale più inquinante dopo le fuoriuscite di petrolio.

Gli impatti più visibili della combustione del gas sono correlati alle piogge acide causate dal biossido di zolfo. La pioggia acida fa sì che i metalli pesanti escano dal suolo e raggiungano le fonti potabili o gli altri corpi idrici. Ciò provoca un calo dei raccolti e rovina la vita acquatica, con impatti negativi sulla pesca. Un report del 2023 ha rilevato che in Nigeria la tossicità dell’acqua a causa delle piogge acide, combinata con il riscaldamento delle torce, ha portato all’estinzione di specie di pesci.

Al solito questa pioggia contiene anche fuliggine nera e altri particolati provenienti dalle torce. “Se piove, l’acqua sarebbe nera per le prime due ore”, ha detto Moses. “La pioggia dovrà cadere ininterrottamente prima di vederla normale.”

“Se piove, l’acqua sarebbe nera per le prime due ore. La pioggia dovrà cadere ininterrottamente prima di vederla normale.”

Le frequenti piogge acide corrodono anche le coperture dei tetti nelle comunità del Delta del Niger come Ogboinbiri, rendendo le loro case meno robuste e richiedendo sostituzioni più frequenti. Tuttavia, anche gli abitanti del posto sono costretti a fare affidamento su quest’acqua piovana per il loro consumo quotidiano. “Non abbiamo acqua attraverso le condutture. Se scavassimo un pozzo qui, non ci vorrebbe più di un mese perché l’acqua diventi acida”, ha spiegato Moses.

Le frequenti piogge acide corrodono anche le coperture dei tetti nelle comunità del Delta del Niger come Ogboinbiri, rendendo le loro case meno robuste e richiedendo sostituzioni più frequenti. Tuttavia, anche gli abitanti del posto sono costretti a fare affidamento su quest’acqua piovana per il loro consumo quotidiano. “Non abbiamo acqua attraverso le condutture. Se scavassimo un pozzo qui, non ci vorrebbe più di un mese perché l’acqua diventi acida”, ha spiegato Moses.


Bubaraye Dakolo, il sovrano del regno Ekpetiama di Bayelsa, ha affermato che il suo popolo soffre da molto tempo a causa di queste sostanze chimiche. “Vorremmo parlare di piogge acide, di corrosione delle coperture dei tetti e tutto il resto, ma oltre a ciò, le sostanze chimiche nocive dei gas bruciati si trovano nel nostro flusso sanguigno e sono quindi responsabili di gravi morti, e la maggior parte delle volte le vittime non lo sanno," Egli ha detto. “Ma la gente non ne parla e anche l’industria fa finta di niente. Se qualcuno crolla e muore, diranno semplicemente che è stregoneria”.

“Se qualcuno crolla e muore, diranno semplicemente che è stregoneria”.

Locali come Edugo hanno cercato di far pressione sul governo e sull'Agip attraverso proteste, ma entrambi hanno fatto finta di non sentire e non vedere. Dakolo, che è anche la presidente del Consiglio dei Governanti Tradizionali dello Stato di Bayelsa, ha affermato che il governo nigeriano è parte del problema.

“Perché la comunità dovrebbe voler attirare l’attenzione del governo su un crimine che il governo stesso sta commettendo? Il governo non è consapevole che le persone vengono avvelenate?” Egli ha detto. “Se le persone devono lamentarsi, allora devono andare da qualche altra parte, sicuramente non dal governo e dalle sue agenzie”.

La combustione del gas nello stato di Akwa Ibom, Nigeria. (Santo Ekpali per The Xylom)

 

Il “World Bank’s Global Gas Flaring Reduction Partnership (GGFR)” della Banca Mondiale è un fondo fiduciario multi donatori composto da governi, compagnie petrolifere e organizzazioni multilaterali, tra cui il governo nigeriano ed Eni. Afferma l’impegno a smettere la combustione del gas che viene fatta regolarmente nei siti di produzione di petrolio in tutto il mondo e mantiene il “Global Gas Flaring Tracker Report”.

Nel 2022, il “Global Gas Flaring Tracker” ha stimato che la combustione del gas ha rilasciato nell’atmosfera 315 milioni di tonnellate di anidride carbonica e 42 milioni di tonnellate di anidride carbonica equivalente alla forma di metano — due dei gas serra più pericolosi e diffusi che esacerbano il cambiamento climatico.

Non è strano che la combustione del gas sia la principale fonte di inquinamento atmosferico e di emissioni di anidride carbonica in Nigeria. Le stime sulla quantità di anidride carbonica emessa ogni anno variano. La “National Oil Spill Detection and Response Agency (NOSDRA)” della Nigeria ne aveva 12 milioni di tonnellate, mentre un rapporto politico del 2021 dell’organizzazione no-profit nigeriana “The Society for Planet and Prosperity” lo fissava a quasi 55 milioni di tonnellate.

Gas flaring is unsurprisingly the largest single source of atmospheric pollution and carbon dioxide emissions in Nigeria. Estimates of how much carbon dioxide is emitted every year vary; Nigeria’s National Oil Spill Detection and Response Agency (NOSDRA) had it at 12 million tonnes, while a 2021 policy report by the Nigerian nonprofit The Society for Planet and Prosperity pegged it at nearly 55 million tonnes.

Eppure, secondo NOSDRA, l’energia generata solo dalla combustione del gas avrebbe potuto soddisfare più del doppio del fabbisogno del paese, nonostante che più di due nigeriani su cinque non abbiano accesso alla rete elettrica. Sebbene la combustione del gas naturale sia dispendiosa e inquinante, rappresenta un’alternativa più economica alla trivellazione petrolifera nel delta del Niger.


“Per quanto riguarda la produzione del petrolio, se non si brucia, non si produrrà”, ha detto Japhet Bank, ex direttore del Dipartimento di Petrolio e Inquinamento presso il Ministero dell’Ambiente dello Stato di Bayelsa. Suggerisce di deviare il gas che sarebbe stato bruciato in torcia verso usi più produttivi come la produzione di elettricità e il gas di petrolio liquefatto che sostituisce la legna da cucina o il cherosene.

Ma questo non sta accadendo.

Un rapporto del maggio 2023 della “Bayelsa State Oil and Environmental Commission” ha criticato le compagnie petrolifere internazionali e altri produttori di petrolio per non aver “fatto investimenti adeguati nelle infrastrutture di raccolta del gas associato, necessarie per convertire il gas associato per uso produttivo”. Invece, continuano per lo più a bruciare il gas associato “nonostante gli impatti negativi sull’ambiente naturale e sulla salute degli abitanti locali”.

Il fatto che il governo della Nigeria abbia permesso che le sue risorse venissero inondate negli ultimi 60 anni non è ancora piaciuto a Dakolo. “Il gas è prezioso quanto il petrolio greggio”, ha affermato. “Un governo che permette che il 60% della sua ricchezza venga sprecato è stupido.”

“Perché la comunità dovrebbe voler attirare l’attenzione del governo su un crimine che il governo stesso sta commettendo? Il governo non è consapevole che le persone vengono avvelenate?”

La Banca ha suggerito alla Nigeria di guardare al Canada, un altro paese che ospita vasti giacimenti di petrolio e gas naturale (è uno dei primi cinque produttori mondiali di entrambe le risorse): da quando il governo di Trudeau ha preso il potere nel 2015, il volume e l’intensità del suo gas flaring sono stati ridotti di oltre la metà, mentre la produzione di petrolio è cresciuta di oltre un quarto. Il paese ora si espande a un ritmo pari a quasi un ventesimo di quello della Nigeria.


Ciò è dovuto principalmente alle sue politiche federali e provinciali più forti che regolano pratiche come la combustione in torcia, lo sfiato e l’incenerimento nelle operazioni di petrolio e gas naturale. “Il Canada è molto efficiente nel monitoraggio e ha dato alle aziende un limite al flaring. Durante la produzione, ti diranno la quantità di gas che brucerai e la quantità che devierà per altri usi”, ha affermato.

Secondo uno studio del 2018 pubblicato su Science, le emissioni globali di gas serra derivanti dalla produzione di petrolio e gas naturale potrebbero diminuire del 23% se i produttori di petrolio mondiali adottassero solo le norme minime sul flaring. Ma in Nigeria i due maggiori ostacoli al raggiungimento di una significativa riduzione del gas flaring sono la debolezza delle normative e il fatto che piccoli pozzi petroliferi sono sparsi in diverse località di tutto il paese, il che impedisce economie di scala nell’implementazione di soluzioni, ha affermato Bank.

Bank ha inoltre sottolineato che il Canada sta adottando misure per spostarsi verso le energie rinnovabili. Ciò non solo mitiga gli impatti a lungo termine dei cambiamenti climatici, ma i canadesi non devono più affrontare gli effetti dannosi immediati della combustione definitiva delle sostanze fossili. È d’aiuto il fatto che il Canada abbia istituito nel 2019 un sistema nazionale di tariffazione del carbonio che aiuta a tenere conto in modo più accurato dei costi dell’inquinamento, creando un incentivo finanziario per ridurre le emissioni di gas serra.

Il Canada ora genera oltre 55 volte più energia rinnovabile della Nigeria. La Nigeria è prevalentemente tropicale e delimitata dalla costa atlantica; tuttavia, la produzione di energia solare ed eolica è trascurabile. La produzione di energia rinnovabile, che avrebbe potuto sostituire la produzione di petrolio, non si è mossa molto negli ultimi dieci anni.

 

A Ogboinbiri gli abitanti hanno imparato a sopportare le sostanze chimiche tossiche causate dalle attività dell'Agip.

“Al momento non c’è nulla che possiamo fare. Non possiamo allontanare la nostra comunità dal fuoco. Viviamo semplicemente con questa minaccia”, ha detto Moses. “È qualcosa che è destinato a restare. Siamo semplicemente in un circolo vizioso [e] l'unica opzione è continuare e quando ci stanchiamo, moriamo e andiamo via. Questa è la nostra situazione adesso”.

Edugo è d'accordo. Ma chiede ancora all’Agip di formare e potenziare la gente del posto, specialmente coloro che hanno perso i loro mezzi di sostentamento a causa della combustione del gas.

“Non possiamo impedire loro la combustione del gas”, ha detto. “Ma dovrebbero portare attrezzature e denaro, dovrebbero dare maggiore potere alle donne e creare centri di acquisizione di competenze. Dovrebbero comunque intervenire”.

 

תגובות


Support Student-Led Science News

The only student-run newsroom focused on science and society. Our in-depth, data-driven approach, mentorship for early-career storytellers, and multicultural content take time and proactive planning, which is why The Xylom depends on reader support. Your gifts keep our unbiased, nonprofit news site free.
37221767_728738530791315_276894873407822

Ekpali Saint

Ekpali Saint è un giornalista freelance in Nigeria. Si occupa di cambiamento climatico, agricoltura, ambiente, acquacoltura, religione, istruzione e altre questioni relative allo sviluppo. Il suo lavoro è stato pubblicato su Al Jazeera, FairPlanet, African Arguments, America Magazine, Religion Unplugged e Down to Earth.

(Tradotto da Farah Daou.)

bottom of page